close

hockey su prato

REGOLAMENTO

Under 14 Maschile e Femminile

Articolo 1 – SQUADRE

La gara viene giocata da due squadre. Non più di sette (7) giocatori per ciascuna squadra – di cui uno è obbligatoriamente il portiere – prendono parte al gioco contemporaneamente. Il portiere dovrà essere sempre equipaggiato con lo specifico abbigliamento protettivo previsto per il ruolo.
Ad ogni squadra è consentito avere a disposizione fino ad un massimo di sette (7) giocatori di riserva in panchina per effettuare le sostituzioni; in questo caso (7 riserve) uno deve essere obbligatoriamente un altro portiere .
I giocatori che partecipano al gioco devono usare il paradenti e i parastinchi. Potranno non usarlo quanti saranno in grado di esibire documentazione che attesti l’impossibilità a farlo. L’arbitro avrà l’obbligo di controllare e, in mancanza di questa, non permetterà al giocatore in difetto di partecipare al gioco. Il giocatore che avrà regolarizzato in ritardo il suo equipaggiamento potrà riprendere il gioco previa verifica, a gioco fermo, da parte dell’arbitro.
Il controllo da parte dell’arbitro deve essere fatto, di norma, prima dell’inizio della gara. Qualora l’arbitro si accorgesse, a gioco in svolgimento, che un giocatore è sprovvisto dei parastinchi o del paradenti lo inviterà a regolarizzare l’equipaggiamento, alla prima interruzione del gioco. Il giocatore potrà essere sostituito e il gioco non dovrà essere sospeso per questo motivo tranne nel caso in cui la squadra dovesse trovarsi, in questo intervallo di tempo, con meno di cinque giocatori sul terreno di gioco.
La sostituzione dei giocatori può avvenire in qualsiasi momento salvo il periodo compreso tra la concessione e il termine di un tiro di angolo corto; durante tale periodo è autorizzata solo la sostituzione del portiere della squadra in difesa nel caso in cui sia infortunato o sia stato espulso. Le sostituzioni devono avvenire nei pressi del centro del campo. L’eventuale sostituzione del portiere deve avvenire a gioco fermo e l’arbitro dovrà arrestare il tempo.
Un giocatore sostituito può rientrare in campo per successive sostituzioni.
Non è permesso ad una squadra di iniziare una gara o di proseguirla se non è in grado di schierare sul campo almeno cinque (5) giocatori contemporaneamente.
Sanzioni
Se durante il gioco una squadra dovesse trovarsi con meno di cinque (5) giocatori sul terreno di gioco, l’incontro sarà interrotto e verrà dichiarata vincitrice la squadra avversaria con il punteggio di due a zero (2 –0) o con quello più favorevole acquisito sul campo.
Se una squadra ha solo cinque giocatori sul terreno di gioco e uno di questi rimane leggermente infortunato l’arbitro può, solo in questo caso, sospendere temporaneamente la gara, se ritiene che il giocatore possa riprendere il gioco in breve tempo, altrimenti decreterà la fine della partita. Se una squadra ha solo cinque giocatori sul terreno di gioco e un giocatore viene espulso temporaneamente la gara dovrà ritenersi conclusa. Di tutto questo l’arbitro dovrà fare menzione nel rapporto di gara.

Per infrazioni alla lettera a) un tiro di angolo corto verrà assegnato contro la squadra che ha commesso l’infrazione.

Articolo 2 – DURATA DELLA GARA

La durata della gara è di cinquanta (50) minuti, suddivisi in due tempi da venticinque (25) minuti. Il gioco verrà prolungato per portare a termine un eventuale angolo corto.
Al termine del primo tempo le squadre osservano un intervallo non superiore a dieci(10) minuti.

Articolo 3 – SORTEGGIO

Prima dell’inizio della gara viene effettuato il sorteggio; la squadra che vincerà il sorteggio avrà diritto alla scelta del campo o a dare inizio alla gara.

All’inizio del secondo tempo, dopo l’inversione delle squadre sul terreno di gioco, avrà diritto di dare inizio al gioco la squadra che non l’avrà fatto nel primo tempo.

Articolo 4 – ARBITRO

Le gare vengono arbitrate, di norma, da due arbitri.

Articolo 5 – TERRENO DI GIOCO

Il terreno di gioco deve avere una superficie di forma rettangolare con dimensioni che possono variare per:
Lunghezza: da m. 45 a m. 55.
Larghezza: da m. 35 a m. 45.
Sono ammesse le superfici in terra battuta, erba naturale ed erba sintetica, compresa l’erba sintetica omologata per i campi di calcio.

Articolo 6 – PORTE

Sono consentite porte di gioco aventi le seguenti misure interne:
m. 3.66 x m. 2,14 (corrispondenti alle porte regolamentari da hockey prato)

Articolo 7 – AREA DI TIRO

Di fronte ad ogni porta sarà tracciata una linea lunga metri 3.66 (4 yards), parallela alla linea di porta e ad una distanza di metri 14.63 (16 yards) dalla stessa.
I metri 14.63 saranno misurati dallo spigolo interno dei pali della porta al bordo esterno di questa linea. Gli estremi di questa linea saranno congiunti alla linea di fondo mediante quarti di cerchio aventi per centro lo spigolo interno dei pali della porta.
La superficie delimitata da queste linee, comprese le linee stesse, sarà chiamata area di tiro (in seguito denominata “area”).

Articolo 8 – LA PALLA

Sono ammessi tutti i tipi di palla approvati dalla F.I.H. per l’hockey su prato.

Articolo 9 – I BASTONI

Sono ammessi tutti i tipi di bastone approvati dalla F.I.H. per l’hockey su prato.

Articolo 10 – PARITA’ IN CLASSIFICA

Nei casi di parità in classifica si applica quanto previsto dal Regolamento Gare e Campionati Art.12 e Art.13 sia per le fasi eliminatorie che per le fasi di spareggio o di qualificazione.

Articolo 11 – RECLAMI

Vedasi Regolamento di Disciplina e Regolamento di Giustizia.

Articolo 12 – INIZIO E RIPRESA DEL GIOCO

Per iniziare il gioco, riprenderlo dopo l’intervallo e dopo che un goal è stato segnato si esegue un passaggio, dal centro del terreno di gioco, in qualsiasi direzione oppure si può riprendere con un “self pass”.

Articolo 13 – RETE SEGNATA E PUNTEGGIO

Una rete è validamente segnata quando l’intera palla ha oltrepassato completamente la linea di porta tra i pali e sotto la traversa, dopo essere stata colpita, deviata o toccata, all’interno dell’area di tiro, dal bastone di un attaccante.
Vince la gara la squadra che segna il maggior numero di reti. I punti in classifica verranno assegnati come segue:
3 punti per la vittoria .
1 punto per il pareggio .
0 punti per la sconfitta .
In caso di parità negli incontri di spareggio o qualificazione (Art. 13 R.G.C.) si procederà ad una serie di shoot-out .

Modalità dell’esecuzione degli “ shoot-out ” per decretare la squadra vincente:

Un giocatore partirà dalla linea di centrocampo e cercherà di segnare una rete dopo essere entrato nell’area di tiro. Il portiere avversario potrà muoversi dalla linea di porta nel momento in cui l’attaccante parte con la palla. Il tempo a disposizione per concludere ogni shoot out è di 10 secondi. Tutti gli altri giocatori devono rimanere nell’area che non viene usata per gli shoot-out in attesa del loro turno.

La prima serie sarà di cinque (5) shoot out e la sequenza delle esecuzioni deve essere comunicata prima all’arbitro e rispettata . In caso di parità potranno eseguire gli stessi cinque (5) atleti ed è possibile cambiare la sequenza dei tiri anche perché nella seconda serie la squadra che si trova in vantaggio per prima, a parità di shoot-out tirati, risulterà vincitrice per cui potrebbe essere sufficiente anche un solo tentativo per parte.

Se si dovesse proseguire con i tentativi si procederà sempre nello stesso modo .
Per quanto non esplicitamente scritto in questo punto sull’esecuzione degli shoot-out si applicano le modalità previste dalla Federazione Internazionale Hockey nel marzo 2014 e recepite con apposita Circolare (n. 36 – a.s. 2013/14) dalla Federazione Italiana Hockey.

Articolo 14 – CONDOTTA DI GIOCO

UN GIOCATORE :
non può giocare la palla con il lato tondo del bastone;
non può partecipare al gioco senza avere in mano il proprio bastone o cambiarlo tra la concessione e il termine di un tiro di angolo corto o di rigore a meno che il bastone non risponda più alle caratteristiche previste;
non può usare il bastone in modo tale da costituire pericolo;
non può toccare, trattenere o interferire con gli altri giocatori, con i loro bastoni o con i loro capi di abbigliamento;
non può ostacolare o intimidire in alcun modo un altro giocatore;
non può sollevare la palla volontariamente con un tiro (hit) eccetto che per un tiro in porta (fatto salvo il principio per cui, prima di tutto, va salvaguardata l’incolumità fisica dei giocatori);
h) non può far passare il proprio bastone al di sopra della testa dell’avversario in quanto questo gesto è estremamente pericoloso;
g) i giocatori possono arrestare, ricevere e deviare o giocare la palla in maniera controllata in ogni parte del campo quando la palla si trova a qualsiasi altezza anche se sopra le spalle a meno che questo non costituisca gioco pericoloso o conduca ad una situazione di gioco pericoloso.
Questa nuova regola si applica a tutti i campionati con sola esclusione dei campionati U12 e U14; considerata la relativa inesperienza dei giocatori onde evitare potenziali situazioni di
gioco pericoloso; in tali categorie rimane il divieto di giocare la palla con il bastone sopra le spalle con esclusione del portiere e difensore all’interno dell’area di tiro per arrestare o
deviare un tiro in porta.

Condotta scorretta:
non sono permessi: gioco violento o pericoloso, perdite di tempo volontarie o qualsiasi comportamento che, a parere dell’arbitro, sia ritenuto scorretto, antisportivo o sleale.

Articolo 15 – TIRO DI PUNIZIONE

Una punizione viene accordata solo quando un giocatore o una squadra è stata svantaggiata dall’avversario che ha commesso una infrazione alle regole.
tiro di punizione (tiro libero) deve essere eseguito nel punto in cui è stato commesso il fallo.
Nessun giocatore della squadra avversaria può trovarsi a meno di m. 5 dalla palla.
La palla sarà in gioco quando viene toccata da un giocatore verso un compagno oppure quando viene giocata per se stessi (self pass).
Su tiro di punizione in attacco (cioè oltre la propria metà campo) la palla non può essere indirizzata direttamente nell’area di tiro avversaria. Questo sarà possibile solo dopo che la palla sia stata toccata da un giocatore della squadra in difesa oppure dopo che la palla stessa avrà percorso una distanza di almeno 5 metri.
Su corner lungo vale quanto scritto al comma precedente.

Sanzioni per tutte le infrazioni:
All’interno dell’area di tiro: un tiro di angolo corto o di rigore sarà concesso in favore della squadra in attacco.
All’esterno dell’area di tiro: un tiro di punizione verrà concesso alla squadra avversaria.

Articolo 16 – TIRO DI ANGOLO CORTO

Un tiro di angolo corto viene accordato:

Per un fallo commesso da un difensore all’interno dell’area di tiro che non impedisca la probabile segnatura di una rete.
Per un fallo intenzionale commesso da un difensore all’interno dell’area di tiro contro un avversario che non sia in possesso di palla o che non abbia la possibilità di giocare la palla.
Per un fallo di particolare gravità commesso da un difensore nella propria metà del terreno di gioco e all’esterno dell’area di tiro.
Per l’invio intenzionale della palla oltre la propria linea di fondo da parte di un difensore.

Modalità di esecuzione:

Squadra in attacco:
Un giocatore spingerà o colpirà la palla facendola rimanere sul terreno da un punto situato sulla linea di fondo a m. 9,14 dal palo più vicino della porta, a sinistra o a destra della porta stessa secondo le proprie preferenze; il giocatore dovrà avere almeno un piede all’esterno del terreno di gioco.
Tutti gli altri giocatori dovranno trovarsi sul terreno di gioco, ma con i piedi e i bastoni all’esterno dell’area di tiro.
Squadra in difesa:
Cinque giocatori (uno dei quali deve essere il portiere adeguatamente vestito e protetto) dovranno trovarsi all’esterno del terreno di gioco, con i piedi e i bastoni oltre la loro linea di fondo e ad almeno m. 4,55 dall’avversario che spinge o colpisce la palla dalla linea di fondo.
Gli altri giocatori devono trovarsi all’interno dell’area di tiro avversaria.
nessun tiro in porta potrà essere effettuato, a seguito di un tiro di angolo corto, prima che la palla sia uscita dall’area di tiro.
il primo tiro in porta, su azione di angolo corto, è valido solo se, a giudizio dell’arbitro, ha una traiettoria tale da superare la linea di porta ad un’altezza inferiore a cm. 46 (altezza delle tavole o altro mezzo idoneo a stabilire con certezza tale misura). Se il primo tiro verso la porta è un “push”, uno “scoop”, un “flick” o altro tipo di spinta, può essere indirizzato verso la porta a qualsiasi altezza purché non risulti pericoloso, a meno che non venga alzato dalla deviazione di un difensore. Quest’ultima disposizione vale anche per tutti gli altri tiri in porta successivi al primo. L’azione d’angolo corto termina quando la palla esce per più di 5 metri dall’area di tiro.
Non sono obbligatorie ma si consiglia vivamente l’utilizzo delle maschere e di qualsiasi equipaggiamento che possa evitare infortuni agli atleti che difendono nell’angolo corto (guanti , conchiglie , ginocchiere ecc…ecc…).

Infrazione durante l’assegnazione di un tiro di angolo corto
Il giocatore che gioca la palla dalla linea di fondo esegue una finta nel giocare la palla:
questo giocatore deve andare all’interno della propria area di tiro e deve essere sostituito da un altro attaccante: il tiro di angolo corto viene ripetuto.
Un difensore diverso dal portiere attraversa la linea di fondo prima che questo sia consentito: questo giocatore deve andare all’interno dell’area di tiro avversaria e non può essere sostituito da un altro difensore: il tiro di angolo corto viene ripetuto.
Un portiere o un giocatore con i privilegi del portiere attraversa la linea di fondo prima che questo sia consentito: la squadra in difesa difende il tiro di angolo corto con un giocatore in meno: il tiro di angolo corto viene ripetuto.
Un attaccante entra nell’area di tiro prima che questo sia consentito:
questo giocatore deve andare all’interno della propria area di tiro: il tiro di angolo corto viene ripetuto.
Per ogni altro fallo commesso dagli attaccanti: un tiro libero viene concesso a favore dei difensori.

Articolo 17 – TIRO DI RIGORE

Un tiro di rigore deve essere concesso alla squadra avversaria:
quando un difensore, all’interno della sua area di tiro, commette una infrazione volontaria nei confronti di un avversario in possesso della palla o per impedire che ne entri in possesso.
quando un difensore commette una infrazione involontaria che impedisce la sicura segnatura di una rete.

Articolo 18 – PALLA FUORI DEL TERRENO DI GIOCO

Oltre la linea laterale:
la palla viene rimessa in gioco nel punto in cui è uscita da un giocatore della squadra avversaria di quella del giocatore che ha toccato la palla per ultimo prima che uscisse.
la palla viene rimessa in gioco mediante una spinta o un tiro o un self pass ma non deve sollevarsi in modo pericoloso per gli avversari e i compagni.
nessun giocatore della squadra avversaria può stare a meno di m. 5 dalla palla.
la palla per poter essere giocata da un compagno deve percorrere una distanza di un metro.
oltre la linea di fondo:
quando la palla è inviata involontariamente da un difensore oltre la propria linea di fondo o di porta, viene concesso un tiro d’angolo (angolo lungo) alla squadra avversaria. Il tiro d’angolo lungo viene eseguito da un giocatore della squadra avversaria da un punto sulla linea di centrocampo in linea con il punto in cui la palla ha oltrepassato la linea di fondo.
quando la palla è inviata intenzionalmente da un difensore oltre la propria linea di fondo o di porta e una rete non è stata segnata, verrà concesso un tiro di angolo corto alla squadra avversaria.
se la palla è inviata oltre la linea di fondo dalla squadra in attacco, il gioco viene ripreso con una rimessa dal fondo.
La rimessa dal fondo viene effettuata dalla squadra in difesa da un punto sulla linea perpendicolare alla linea di fondo e parallela alle linee laterali che passi per il punto in cui la palla è uscita dal terreno di gioco e a non più di m.15 dal bordo interno della linea di fondo stessa. La rimessa in gioco della palla può essere fatta con una spinta o un tiro o un self pass ma non deve sollevarsi in modo pericoloso per gli avversari e i compagni.

Articolo 19 – RINVIO AD ALTRO REGOLAMENTO

Tutte le regole di gioco dell’hockey su prato che non siano esplicitamente superate o modificate dalle Regole esposte nel presente Regolamento sono applicabili all’hockey a sette.

SCARICA IL REGOLAMENTO